lunedì 4 aprile 2016

E cornice sia.

Tempo fa mi sono ritrovata a casa di Silvia con alcune amiche presenti allo scorso meeting Asi con cui ho condiviso il tavolo di lavoro per realizzare un progetto scrap. I meeting sono davvero una fonte inesauribile di emozioni, non finirò mai di dirlo, perché i rapporti che si instaurano in queste occasioni sono davvero unici e insostituibili. Ci siamo conosciute e taccccccccccccccc..... tutte in perfetta sincronia, voglia di evasione, disponibilità e tanta tanta leggerezza. Silvia per la serata di scrapa veva proposto di realizzare un oggetto che ci saremmo poi scambiate a mò di swap, e che ci rappresentasse in qualche modo per raccontarci vicendevolmente. Io avevo realizzato questa cornice perché credo che sia l'oggetto che più mi rappresenta e che da sempre adoro realizzare, dipingere, e decorare. Quindi cosa avrei potuto scegliere se non una cornice da scrappare? Poi ovviamente siccome son bollita come poche l'ho appoggiata su una sedia prima di partire per Torino e lì è rimasta. Ieri c'è stato un altro meeting e ho potuto rivedere tutto il gruppo che nel frattempo e dopo lunghe chiaccherate su whattsup si è allargato accogliendo nuove adepte, ma soprattutto ho potuto consegnare l'oggetto dello swap a Silvia. Ora lo posso  mostrare anche a voi in occasione del consueto post per Scrapbooking Facile perché per renderlo davvero unico e adatto alla persona a cui l'ho regalato l'ho impreziosito con uno dei chipboard disegnati da Alessandra (membro del team). La scritta era molto adatta allo scopo oltre che essere molto originale grazie all'accostamento di fonts diversi.
La cornice è stata recuperata e ridipinta con pittura murale acrilica color grigio perla su cui ho costruito un sostegno con del cartone da imballo per poterci incollare la foto che Silvia vorrà inserire. Ho usate carte crate paper per lo sfondo e per i decori, die-cuts, fustellati vari, cannucce di carta, un button, una molletta di legno e altri decori in resina come il fiore, il fiocco le roselline e un enamel dot. Un po' di filo, qualche striscia di washi-tape e due foglie completano il tutto. Il chipboard è stato colorato con un izink geranium e poi una volta asciutto glitterato con un wink of stella clear.